Home Attualità Dal Web Nuovi Fondi per la Campania: un Passo Avanti verso la Coesione e...

Nuovi Fondi per la Campania: un Passo Avanti verso la Coesione e lo Sviluppo Sostenibile? Ma…

Il Seggio del Popolo - Locanda
Via libera del Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile (Cipess) all’assegnazione alla Campania di 388,5 milioni del Fondo sviluppo e coesione 2021-2027, per consentire ai comuni e agli altri beneficiari di entrare in possesso di risorse del Programma Operativo Regionale Fondo Europeo Sviluppo Regionale 2014-2020 e quindi di completare gli interventi non conclusi entro il 31 dicembre 2023, termine ultimo per l’ammissibilità della spesa dei fondi comunitari.

    L’assegnazione di queste nuove risorse si aggiunge al sostegno dei territori della Regione Campania attraverso il Fondo di sviluppo e coesione (FSC) 2021-2027: con il decreto-legge 7 maggio 2024, convertito in legge dal Parlamento lo scorso 4 luglio, è stata disposta l’assegnazione di 1.218 milioni di euro per il risanamento di Bagnoli e, successivamente, con il decreto-legge 2 luglio 2024 sono stati assegnati ulteriori 420 milioni di euro per interventi urgenti per fronteggiare l’emergenza bradisismo nell’area Flegrea, di cui 207 milioni di euro a valere sulle risorse del Fsc per le amministrazioni centrali e 206 milioni di euro sulla quota di Fsc della Campania. Nel complesso si tratta di oltre 1,8 miliardi di euro. “Con la delibera Cipess di oggi viene puntualmente rispettato un impegno che avevo preso direttamente con i sindaci campani”, ha detto il ministro per gli Affari europei, il Sud, le Politiche di coesione e il Pnrr, Raffaele Fitto.

C’è però un’ennesima novità: Il presidente della Campania, Vincenzo De Luca, ha espresso profonda frustrazione per la nuova verifica del Fondo Sviluppo e Coesione, definendola «erronea e immotivata». Ha contestato le decisioni dell’Autorità di gestione e del ministero della Coesione, accusandoli di ritardi ingiustificati nel finanziamento di progetti vitali. La controversia è iniziata dopo che i fondi destinati alla Campania sono stati ridotti da 5,2 a 4,1 miliardi di euro a causa di decisioni governative. De Luca ha sottolineato che la regione ha risposto prontamente alle richieste ministeriali, adattando i propri programmi di investimento, ma ora deve affrontare un’ulteriore revisione imprevista. Ha criticato la nuova verifica e chiesto consiglio su come procedere.

Sostieni il lavoro del Quotidiano Indipendente napoletano – L’Identitario.

Pubblicità

Per effettuare un bonifico utilizza il seguente IBAN: IT62I0711003400000000013764
Intestandolo a: L’Identitario Comunicazioni e Servizi srls
causale: Donazione

Oppure su PayPal a: lidentitario@gmail.com
Causale: Donazione


Pubblicità
l'-ecommerce del Sud Italia