Il Seggio del Popolo - Locanda
Home Cultura Arte Il “Luogo del Cuore” di Nola: la Chiesa di Santa Maria Jacobi...

Il “Luogo del Cuore” di Nola: la Chiesa di Santa Maria Jacobi verrà restaurata

l'-ecommerce del Sud Italia
l'-ecommerce del Sud Italia

comunicato stampa
In seguito ad un iter iniziato nel 2022 che ha visto la collaborazione di cittadini, enti e associazioni, tra i luoghi votati e che, in seguito alla partecipazione al bando nazionale, sono stati selezionati aggiudicandosi il contributo “I Luoghi del Cuore FAI”, c’è la Chiesa di Santa Maria Jacobi, sita nel centro storico di Nola, che sarà finalmente restaurata.

La raccolta firme che nella competizione dei “Luoghi del cuore FAI” aveva raccolto quasi 8000 voti, fu promossa dall’Archeoclub d’Italia sezione di Nola, presidiata dall’attivissima prof.ssa Flora Nappi, mentre il progetto di restauro e valorizzazione è stato proposto dalla Diocesi di Nola, nella persona del legale rappresentante Mons. Pasquale Capasso, e redatto dalla instancabile dott.ssa Antonia Solpietro, direttore ufficio beni culturali della diocesi di Nola. Le opere di restauro saranno eseguite a cura della ditta Alfart di Maria Foglia, con l’alta sorveglianza della Soprintendenza e la direzione dei lavori dell’ufficio dei beni culturali della Diocesi di Nola, che ha scelto di affidare al professore Pierluigi Leone de Castris, docente dell’Università Suor Orsola Benincasa, il ruolo di controllo e indirizzo delle scelte, da valutarsi in corso di restauro.

La proposta ha avuto il parere positivo ed entusiasta della sezione FAI di Nola ed è stata inoltrata a mezzo piattaforma al Fondo Ambiente Italia con il titolo: “Da palatium baronale a chiesa delle clarisse”.

Il progetto sostenuto da FAI e Intesa Sanpaolo – richiesto dalla Diocesi di Nola – prevede il restauro conservativo dell’intera parete affrescata sinistra e delle murature medievali a vista della chiesa di Santa Maria Jacobi. L’intervento riguarderà in particolare le decorazioni laiche a finto paramento murario abitato da motivi floreali e da uccelli, che costituisce una rarità nel panorama figurativo della Campania medievale e che si trova in precario stato di conservazione. Sarà oggetto di recupero anche la fascia superiore con la raffigurazione a carattere moraleggiante di Aristotele e Filide. L’intervento chiude un programma di azioni già in corso che includono il restauro della parete destra, oggetto di un finanziamento dell’Archeoclub, e dei pannelli con gli affreschi religiosi trecenteschi (il cui strappo ha fatto emergere la decorazione duecentesca), che saranno allestiti nel coro superiore (Coro delle Clarisse).

I progetti finanziati nell’ambito dell’11° censimento de “I Luoghi del Cuore” riguardano tredici regioni e dieci nuove province – che non avevano finora ricevuto il sostegno della campagna – e comprendono interventi di restauro e attività di valorizzazione.

Storie e luoghi capaci di far dialogare privati cittadini, enti pubblici ed enti scientifici: grazie al bando lanciato lo scorso aprile gli enti proprietari e i portatori di interesse dei luoghi che avevano superato la soglia di 2.500 voti al censimento hanno potuto candidare progetti di restauro o di valorizzazione al sostegno del FAI.

La fase di censimento, infatti, è sempre seguita dalla pubblicazione di un bando, che vuole innanzitutto rappresentare uno stimolo per i territori a mobilitare e aggregare risorse ed energie, al fine di trasformare i voti raccolti dalle comunità in progetti concreti, con tempi di realizzazione certi e dotati di un cofinanziamento: l’attivazione di circoli virtuosi e la compartecipazione delle forze locali rappresenta senza dubbio il miglior viatico, se non la migliore garanzia, per la salvaguardia dei luoghi e il successo dei progetti. I fondi stanziati con la campagna “I Luoghi del Cuore” vogliono rappresentare, infatti, delle scintille che possano agire come il “sasso nello stagno”, il cui impatto inevitabilmente contenuto può moltiplicarsi in ulteriori “cerchi”, attraendo attenzione, nuovi contributi e successivi interventi, come avvenuto in molti casi in tutta Italia.
di Martina Catanese – Gruppo FAI Nola